709
  • Progettare la moda

    Alla ricerca di una definizione pertinente e attuale della moda, attraversando le riflessioni di architetti, designer, filosofi e storici. Un percorso di lettura che fa emergere con chiarezza la centralità del progetto in questo complesso rapporto tra abito e corpo

    La parola design è così presente nel nostro quotidiano che abbiamo smesso di sentire la necessità di tradurla. Design è un termine inglese il cui suono, in italiano, ricorda la parola disegno. Entrambi i termini condividono l’etimo, ma mentre il disegno fa riferimento a un’azione che mette su carta, attraverso un segno, un’idea, il campo semantico di design mira a non limitarsi alla materialità di matita e foglio. Design significa progetto, e non ha un particolare legame con la realizzazione fisica di qualcosa – oggetti, edifici, strutture – quanto più con la scomposizione di un’idea nelle sue parti fondamentali, e con la comprensione dei suoi sviluppi, potenziali e reali. Il percorso che dall’ideazione porta alla produzione e anche al consumo degli oggetti di moda segue logiche progettuali che inseriscono la moda stessa tra le discipline che afferiscono al design.

    Ma la moda, in quanto sistema complesso, ha un modo tutto suo di relazionarsi all’idea di progetto, nelle sue declinazioni e forme. Quello che rende la definizione di progetto di moda se non unico, almeno con un valore cruciale, è il legame intrinseco che la moda ha con il corpo. Il corpo è materia viva, è disobbediente, è soggetto al passare del tempo e insieme alla inquieta percezione che abbiamo di noi stessi. La moda è lo strumento che l’uomo ha per controllarlo e per rendere cultura la natura. Il primo a considerare la relazione tra abito e corpo attraverso l’idea di progetto è l’architetto e designer Bernard Rudofsky. La riflessione di Rudofsky prende forma in una mostra al MoMA di New York (1944). Il titolo in realtà è una research question, una sorta di convenzione accademica richiesta a chiunque si imbarchi in un progetto di ricerca: Are Clothes Modern? La risposta che Rudofsky dà a questa domanda non è semplice, o immediatamente comprensibile. Nella mostra, rappresentazione tridimensionale del pensiero del progettista, il corpo è la materia grezza che il vestito ha il compito di modificare, migliorare o peggiorare, trasportandone le forme classiche e naturali nell’istante contemporaneo.

    Bernard Rudofsky, "Are clothes modern?", MoMA, New York, 1944

    Bernard Rudofsky, “Are clothes modern?”, MoMA, New York, 1944

     

    In un certo senso, l’abito quando è indossato è rappresentazione della modernità come qualità eternamente presente. Per Rudofsky, quello che trasporta vestiti e corpi nella modernità è, in una parola, la moda: con le sue irragionevolezze e contraddizioni, con la sua arbitrarietà, la ciclicità, con il suo essere incomprensibile e “profondamente superficiale”. Se consideriamo il sistema della moda contemporaneo come un campo di forze irradiato globalmente, uno dei fuochi che ne determina fluttuazioni e rivolgimenti è il designer. Il designer è colui che individua i problemi, agisce su domande che richiedono delle risposte – e risolvere i problemi – con creatività e intelligenza.

Domus Moda!

L’allegato Moda, curato da Carlo Antonelli, in edicola con il numero di giugno di...

Leggi tutto

La nuova frontiera dell’abito sostenibile

Il libro Neomateriali nell’economia circolare – Moda, è un quadro aggiornato...

Leggi tutto

Lascia che ti intrattenga

Dopo l’industria discografica, la televisione, l’editoria, i viaggi, i trasporti e...

Leggi tutto

Suspended Ensemble: AMO per Prada

Per la sfilata Prada Resort 2018, AMO reinterpreta Osservatorio, il nuovo spazio...

Leggi tutto

Marimekko Esplanade park, sfilata pubblica

Marimekko tiene la sua manifestazione annuale di moda pubblica all’Esplanade Park di...

Leggi tutto

Counter-Couture: Handmade Fashion in an American Counterculture

Il Museum of Arts and Design (MAD) di New York presenta “Counter-Couture: Handmade...

Leggi tutto

Balenciaga: Shaping Fashion 

Il V&A ha aperto la prima mostra britannica che esplora l’opera di Cristóbal...

Leggi tutto

Rei Kawakubo/Comme des Garçons: Art of the In-Between

La mostra della primavera 2017 del Metropolitan Museum of Art Costume Institute, “Rei...

Leggi tutto
    1149 1144
  • Domus con l’allegato Domus Moda, in edicola a giugno al prezzo speciale di 5€

  • 1138

fashion after Fashion at MAD

Il Museum of Arts and Design (MAD) di New York presenta “fashion after Fashion”, una...

Leggi tutto

Modelli circolari

Riutilizzando in modo creativo la risorsa più abbondante al mondo – i rifiuti –,...

Leggi tutto

La Moda 4.0. Materiali digitali e stampa 3D tra straordinario e quotidiano

Straordinario e quotidiano sono solo apparentemente due aggettivi con significati...

Leggi tutto